Mi chiamo Silvia, ho 27 anni e finalmente ho preso il coraggio di buttarmi in questa nuova avventura. Per me è una sfida, un modo per mettermi in gioco e uscire dal guscio che mi sono creata. Dopo lunghe riflessioni ho capito che è giunto il momento di condividere con il mondo le mie più grandi passioni: l’arte, i viaggi e i libri.

Fin da quando ne ho memoria l’arte ha sempre attirato la mia attenzione, da piccola mi soffermavo ad osservare la riproduzione della Gioconda, appesa nel salotto dei miei nonni, e mi divertivo a imitarne la posa.

Il vero colpo di fulmine arrivò alle elementari, quando visitai una mostra sugli Impressionisti: il colore e la luce di quei quadri mi incantarono immediatamente.

Da quel momento in poi, la passione per l’arte è cresciuta fino a spingermi ad intraprendere un percorso di studi ad essa legato. Nel 2016 ho conseguito la Laurea in Conservazione e Gestione dei beni e delle attività culturali. Poi ho proseguito con la Laurea Magistrale in Economia e Gestione delle Arti e delle attività culturali ottenuta a marzo 2019.

Perché ho deciso di chiamare questo blog “L’arte in valigia”?

Innanzitutto, l’ispirazione è venuta dalla mia opera preferita, Boîte-en-Valise” di Marcel Duchamp realizzata nel 1941. In questo lavoro l’artista raccolse in una valigia la riproduzione di tutte le sue opere fino ad allora realizzate.

Il concetto legato a questo gesto mi ha sempre affascinata, infatti con quest’opera l’artista ha creato una specie di museo portatile sempre pronto all’uso.

Idea che io trovo decisamente moderna per l’epoca, nella quale io vedo il precursore della galleria fotografica dei nostri smartphone o di Instagram, che ci permettono di avere a portata di click ogni nostro ricordo. 


Il mio blog vuole essere un luogo nel quale raccogliere pensieri e immagini di ciò che visito, ambisco a creare una collezione di emozioni per poterle raggiungere con la facilità che oggi internet ci garantisce.

Boîte-en-Valise di Marcel Duchamp conservato alla Collezione Peggy Guggenheim.
Boîte-en-Valise di Marcel Duchamp, 1941 conservato alla Peggy Guggenheim Collection (Venezia)

Inoltre, il termine valigia rimanda anche al mondo del viaggio, altra grande passione che coltivo da molto tempo.
Sono una persona curiosa con l’irrefrenabile voglia di scoprire il mondo, per questo durante gli anni universitari ho passato 6 mesi di Erasmus a Parigi. Una tappa per me importante, perché mi ha fatta maturare tantissimo e mi ha aiutata a guardare il mondo con una prospettiva diversa. Da allora ogni momento è buono per prenotare dei viaggi, nei quali ovviamente l’arte non manca mai.

Questa sono io, una persona che crede nella condivisione, nella bellezza e nei sorrisi. Spero che tu possa trovare il progetto interessante e che mi dia fiducia in questo nuovo percorso intrapreso, che ha richiesto in me molto coraggio.

Silvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *